Grissini Rubatà di Chieri


Grissini tipici della cucina piemontese rappresentano la forma di grissino più antica del Piemonte e devono il loro nome al dialetto regionale che significa letteralmente “rotolato”

Nella preparazione dei rubatà i fornai prendono sulle punte i grissini, li rivoltano facendogli fare un giro completo e li fanno rubaté (cadere) sul tavolo da lavoro per compattarne l’impasto. La lavorazione a mano conferisce ai rubatà di Chieri una caratteristica nodosità, con un diametro che varia da 1 a 1,5 cm e una lunghezza variabile dai 40 agli 80 cm.
Il segreto dei rubatà è nell’impasto, nel dosaggio dei vari ingredienti (farina di grano tenero tipo 00, lievito, sale ed eventualmente grassi come l’olio o lo strutto) e nell’acqua di Chieri e dintorni che conferisce ai grissini una bontà particolare

I Grissini Rubatà di Chieri fanno parte del Paniere dei prodotti tipici della Provincia di Torino

Per saperne di più visita >

paniere_prodotti_tipici







Il Cammino di Don Bosco è un progetto di
Città metropolitana di Torino e Strade di colori e sapori